L’importanza di ascoltare e del silenzio

autismo asperger dsa pci

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Premessa

Il linguaggio è lo “strumento di comunicazione usato dai membri di una stessa comunità”[1], a volte però si stra-parla, ovvero si riempie ogni piccolo spazio con parole e parole.  Ma cosa accade nelle teste di chi ascolta?

È questo che vorrei andare a vedere assieme, in questo articolo e nel video collegato. Qui vorrei cercare di far spostare il Focus delle Conversazioni da NOI a LORO, a volte questo concetto dovremo averlo più a cuore, ma andiamo per gradi.

I Nostri Interlocutori:  in questo articolo individuiamo i nostri interlocutori come Bambini, raggi o giovani adulti con Bisogni Comunicativi Complessi ( a volte lo troverete negli articoli con l’acronimo di BCC ), con tale definizione però si intende una popolazione molto ampia e variegata.

Ne fanno parte utenti che hanno difficoltà o totale assenza di Linguaggio Verbale, e questa forse è la caratteristica più visibile, ma non la sola. Infatti è possibile la presenza di problemi sia nella Comunicazione in Uscita ( Linguaggio Verbale appunto ), che in Entrata, ed è questo che andremo ad analizzare oggi, o chiaramente in entrambe le aree: Comunicazione in Entrata ed in Uscita.

Che cosa accade quando è presente una difficoltà di Comunicazione in Entrata?

Noi adulti ci troviamo a parlare, parlare, parlare senza però accorgerci che i nostri interlocutori non riescono a seguirci ( si non riescono, non non vogliono ), per approfondire meglio il problema vediamo adesso come si scompone la comunicazione e lo scambio di messaggi:

  1. Il mittente ha un’idea che vuole comunicare
  2. Il mittente la trasforma in un messaggio
  3. Il mittente la trasmette
  4. Il ricevitore decodifica il messaggio ( già qui spesso si blocca la comunicazione )
  5. Il ricevitore da un senso al messaggio
  6. Il ricevitore da un feedback al mittente

Spesso le troppe parole che usiamo per creare messaggi e pensieri non permettono agli interlocutori di capirne il contenuto, rimangono quindi bloccati, inermi, senza alcuno strumento per poter interagire con noi. Se poi non hanno modo di dire: “Non ho capito” la conversazione cade.

A volte però il problema è legato alle Pause ( anche se sarebbe più opportuno dire all’assenza di pause), ovvero chi ci ascolta avrebbe bisogno di tempo, ma soprattutto silenzio, per assimilare ciò che gli è stato detto e quindi elaborarlo e comprenderlo.

Ma noi questo sforzo lo facciamo Ovvero stare in silenzio per permettergli di capire ciò che gli è stato detto O spesso il nostro parlare è più un esercizio di Egoismo Lascio a voi la Risposta.

Inoltre a volte il problema è di Accesso al Contenuto: ovvero il solo Linguaggio Verbale non permette a chi ha Bisogni Comunicativi Complessi di arrivare a comprendere davvero il senso di ciò che gli viene detto. L’associazione quindi del Linguaggio Verbale con Testo scritto, ma ancor di più anche con i simboli, permette di allargare sempre più la fetta di utenti che diventeranno abili ed in grado di interloquire e conversare. A questo punto la comunicazione non si fermerà più al punto 4, ma in grado di concludersi, anzi il semplice invio di messaggi potrebbe diventare uno scambio e quindi una Conversazione.

Conclusione

Impariamo a creare Contesti Ad Hoc, in cui tutti gli interlocutori siano messi in grado di scambiare e capire messaggi attraverso i giusti Strumenti e/o Sistemi Ausili in alcuni casi, creati ed adattati a posta sulle loro esigenze. In questo noi possiamo aiutarvi.

Da noi troverete capacità, competenza e dedizione, si perché in effetti amiamo ciò che facciamo e per questo cerchiamo di trasferire la nostra passione in tutto ciò che facciamo, in tutti i progetti avviati e da avviare.

Il lavoro da fare, nonché la sua complessità, potrebbe farvi demordere, o pensare che è troppo allora perché non farsi aiutare Forse vi sembra stia sminuendo il problema, ma non è affatto così, anzi, credo fermamente che ognuno di noi ha sue specifiche abilità e competenze e a volte dobbiamo sapere dove guardare e chi chiedere.

L’Ausilioteca è il nostro cuore pulsante, lì sperimentiamo insieme ai nostri utenti ed alle famiglie le soluzioni che pensiamo siano adatte per loro, permettendo a tutti di provare in prima persona una modalità Alternativa e Nuova di comunicare, di condividere ma soprattutto speriamo sia di Farsi Capire, finalmente, da soli e senza interprete.

E con questo una richiesta, facciamo più attenzione all’altro, alle sue esigenze e necessità. Perché un processo di comunicazione è un “un processo reciproco, nel quale il messaggio nella forma di idee, pensieri, sentimenti, opinioni o una combinazione di questi, verranno trasmesse tra due o più persone con l’intenzione di creare una comprensione comune”.

Altri articoli dal nostro Blog

Comunicazione

Accogliere la diversità nella normalità

La nascita di un bambino con disabilità rappresenta un evento “critico” per la coppia, che può comportare disequilibrio nelle relazioni familiari e determinare un divario

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi